Evil acts and blasphemous rituals


“Fermati un momento! Non battere le palpebre! Tieni gli occhi immobili, come due pietre! Sei cieca. E vedi tutto quel che gli altri non vedono. E nessuno ti può nasconder nulla. E qui, in questa stanza, l’uomo che tu ami ha svelato il suo amore all’altra , che ancóra ne trema. Ed essi sono qui; e le loro mani si sono separate da poco e il Toro ardore è nell’aria. E la stanza è piena di tesori funebri; e su due tavole sono disposte le ricchezze che vestivano i cadaveri di Agamennone e di Cassandra; e là sono i cofani ricolmi di monili, e là sono i vasi ricolmi di ceneri. E il balcone è aperto e guarda la pianura di Argo e le montagne lontane. Ed è il tramonto, e tutto quest’oro terribile riluce nell’ombra. Comprendi? Tu sei là, su la soglia, condotta dalla nutrice. Sei cieca e nulla t’è ignoto. Fermati un momento!”

—Gabrielle D’Anunzio, Il Fuoco

Comments are closed.